I professionisti della guerra 2.0

Perché scoppiano le guerre? Chi le favorisce?

Non è facile rispondere a queste domande, ma ciò non significa che sia impossibile, quantomeno sarà utile aprire un dibattito per rispondere almeno approssimativamente alle domande sopra indicate nel tentativo di fissare le linee guida per costruire un movimento finalizzato alla costruzione della pace.

Chi sono i nostri avversari? Chi sono i professionisti della guerra 2.0?

Partiamo da un presupposto, scatenare una guerra nel XXI secolo è un fatto talmente enorme che è necessario supporre che i fautori abbiano enormi ragioni per scatenarla e siano di queste ragioni sinceramente convinti.

Come sostiene Norman Angell, nel suo libro La grande illusione, gli uomini che scatenano le guerre oggi sono in preda a una grande illusione: credono che le guerre siano economicamente proficue, che le guerre creino condizioni migliori di produzione e di scambio.

Invece, i recenti avvenimenti bellici in Ucraina, e la conseguente crisi economica dimostrano esattamente il contrario.

In una guerra moderna non esistono né vincitori né vinti, ma tutti ne usciranno perdenti, il danno dell’uno sarà inevitabilmente il danno dell’altro, per non calcolare i danni dell’odio sociale arma ancora più potente di un’atomica.

Il problema è che ci sono pochi uomini che si sforzano a comprendere in tutte le sue complessità la società a cui appartengono, troppo pochi sono quelli che si impegnano a trasformarla, perché tanti sono imprigionati nella malefica propaganda.

I professionisti della guerra 2.0

I professionisti della guerra 2.0 lavorano continuamente per iniziare nuove guerre. Gramsci, nel suo saggio Odio gli indifferenti li battezzò i seminatori di panico, quelli che dalla guerra guadagnano a scapito della collettività che ne ricava soltanto lutti e rovine.

In conclusione, non basta una generica avversione alla guerra.

Si rende necessaria un’opera di controllo sulle forze perverse che gettano i semi per le guerre future: occorre la comprensione dei processi economici, individuazione ed il contrasto politico ai professionisti della guerra 2.0.

Educare la gente a smascherare i seminatori di panico ritorni ad essere l’azione del pacifista contemporaneo.

Picture of Francesco Sassano

Francesco Sassano

Tabella dei Contenuti