Impara ad essere più sensibile

Ci sono tante persone capaci di guardare oltre il proprio orizzonte, a spostare l’attenzione sui particolari, a ri-conoscere le debolezze degli Altri ad accoglierle amorevolmente offrendo benevolenza e comprensione. Non per forza di cose bisogna appartenere alla categoria dei santi per padroneggiare al meglio il dono della sensibilità. Dal momento che siamo esseri umani, siamo tutti sensibili. Possiamo solo imparare ad esserlo ancora di più. Siamo circondati da centinaia di stimoli, positivi e negativi. Tocca a noi scegliere in modo equilibrato su come spendere la nostra sensibilità.

Il primo passo è quello di filtrare, ossia discriminare, di solito perdiamo tantissime opportunità perché siamo incapaci a ri-conoscere. Siamo accecati dalla bellezza standardizzata. La nostra attenzione è rivolta soltanto a quel tipo di bellezza preconfezionata. Ci dimentichiamo spesso che la bellezza non è solo questione di taglia. Così facendo rischiamo di non osservare ciò che è solitamente ritenuto imperfetto o vecchio. Lo stesso processo avviene per le cose materiali. Ci piacciono solo i vestiti nuovi, le auto moderne, gli oggetti di largo consumo. Tante volte perdiamo per strada, incontri con persone meravigliose ma imperfette per colpa di questa incapacità a discriminare a filtrare con nuovi occhi la realtà.

Il secondo passo è la quiete, il tempo e la calma di assaporare. Se vuoi apprezzare i dettagli non devi più essere frettoloso. Rallentare è il miglior modo per vivere meglio. Sempre più spesso ci perdiamo i dettagli di un incontro, di una passeggiata, di un buon cibo. Ripensate a quante volte bevete frettolosamente il vostro cappuccino, non apprezzate il profumo del vostro partner, non date più peso ai piccoli momenti.

Il terzo passo consistere nel sapere interpretare il messaggio che arriva dalle persone di cui ti circondi ma anche dagli incontri più casuali. A volte ci sono delle persone che entrano nella tua vita, casualmente, e lasciano il segno. Solo se sei capace di relazionarti con calma, con atteggiamento curioso e ricettivo saprai recepirne il messaggio. Dietro ogni persona, c’è una storia di vita, non sempre è possibile conoscerla, ma solo chi saprà adottare un atteggiamento di benevolenza mettendo da parte i pregiudizi riuscirà anche da un solo incontro a comprenderne il messaggio.

Inizia a prestare attenzione a quello che è davvero importante, metti da parte il contorno. Adesso che hai compreso quali sono i passi utili per essere più sensibile, non ti resta che allenare i tuoi processi attenzionali, frenare i soliti pregiudizi, essere più flessibili nelle valutazioni, più duttile al cambiamento e pronto a comprendere di più chi hai dall’altra parte. Essere sensibile non è penalizzante, anche se molte volte ti hanno fatto credere il contrario. Ti hanno consigliato di non piangere, di essere sempre forte, di combattere ed essere più competitivo. Gli stessi, non ci hanno detto però che questo approccio camuffa solo le nostre fragilità e non ci rende di certo più felici.

Picture of Francesco Sassano

Francesco Sassano

Tabella dei Contenuti