Non puoi scappare da ciò che sei

Organizzare la propria esistenza in funzione degli altri non è una scelta sana e vincente. Uno degli errori che ti causano più guai è quando sei circondato da emozioni negative: la controreazione tante volte ti conduce a non accettarti così come sei. La serenità è in te ma non riesci a gustarla fino a quando non ti fermi, a volte c’è la necessita di decelerare, di cambiare marcia. Solo così hai tempo e modo per riflettere su te stesso per rispondere alle domande su chi sei e quali direzione devi imboccare per raggiungere la tua felicità.

Contestualizzare e avere il coraggio di ascoltare la tua vita senza scappare da ciò che sei è il primo passo. Vivere per soddisfare le ambizioni degli altri non ti condurrà da nessuna parte. A cosa ti serve vivere per assecondare l’approvazione degli altri?

Certamente, sentirsi lodati dagli altri ci rende orgogliosi ma quando cerchi l’approvazione negli altri e ti preoccupi del loro giudizio, in fin dei conti stai rinunciando a vivere la tua vita. A questo punto della lettura chiediti: se non vivi la vita per te stesso, chi la vivrà al posto tuo? La nostra società fondata sull’apparire più che sull’essere, ci istiga diabolicamente ogni giorno a soddisfare le aspettative degli altri. E senza rendertene conto, finisci per vivere schiacciato dal desiderio di approvazione. Continui a fare cose che non sopporti ma che ti conferiscono valore sociale, non tanto per te stesso ma più che altro per uniformarti agli standard d’approvazione vigenti nel tuo gruppo di riferimento. Ragioniamo, insieme. Ti è capitato tante volte, di soffrire perché non hai ricevuto l’approvazione dei tuoi genitori, dei tuoi insegnanti, amici o sul lavoro. Siamo esseri umani e come tali viviamo schiacciati dal desiderio di approvazione sociale. In tanti vivono la loro vita per raggiungere fama e prestigio. Quasi tutti pensano che soddisfare le aspettative altrui sia il mezzo per ottenere la loro approvazione.

Questa idea, è conforme, al metodo educativo corrente basato sulla ricompensa e sulla punizione, secondo cui si è elogiati se ci si comporta correttamente. A pensarci bene, il tuo scopo principale seguendo questo schema educativo continua ad essere quello di lavorare con lo scopo principale di soddisfare le aspettative altrui. I social hanno amplificato questo stato d’ansia, temi sempre che gli altri ti guardino e ti giudichino, ed intanto continui ad affannarti per essere al passo con i tempi. Così facendo nel tentativo di soddisfare le aspettative degli altri, continui a scappare da ciò che sei.

Picture of Francesco Sassano

Francesco Sassano

Tabella dei Contenuti