Ogni volta che faccio una pausa, ci penso: “Più sono totale, e più mi distinguo dai rumori”

A cosa ti serve un’auto nuova, un viaggio da organizzare, una casa da arredare se il tuo umore continua a peggiorare?

Ti sei mai chiesto: sono io a scegliere oppure sono il riflesso delle scelte degli altri?

Molte volte la società dei consumi, sceglie per te. Ti consiglia: cosa indossare, cosa mangiare, come pensare.

Di tutto questo, te ne rendi conto, solo quando inizi a metterci attenzione: su chi sei, su ciò che fai, su ciò che riesci a dare agli altri. In quel preciso istante, riesci a fare un salto quantico, la tua concentrazione diventa anche la tua fonte di ispirazione.

Il filosofo, Martin Heidegger era fermamente convinto che quando sei dentro al mondo, tutto il resto scompare. Non esiste passato e non esiste futuro.

Oggi, la sfida più difficile è state bene con sé stessi. Non è facile farlo quando sei connesso al mondo ma ne sei emozionalmente scollegato, quando non fai caso a ciò che ti circonda e la tua disattenzione congela il tuo lato emozionale. È vero lo scongelamento è più doloroso del congelamento. È difficile? Sì, è difficile ma tutto sta nel volerlo. Personalmente ogni volta che faccio una pausa, ci penso: “Più sono totale, e più mi distinguo dai rumori”.

Picture of Francesco Sassano

Francesco Sassano

Tabella dei Contenuti